• Elisabetta Caracciolo

Artugna Race 2021: il campionato italiano Cross Country Rally inizia da qui

Stamattina palazzo Menegozzi-Carraro affacciato su piazza Duomo ad Aviano ha ospitato la conferenza stampa di presentazione della Artugna Race, la prima prova 2021 valida per il Campionato Italiano Rallies Tout Terrain e anche per il Campionato Italiano SSV Baja Sprint.

Alla presenza di ben quattro sindaci, tutti coinvolti territorialmente dalla competizione, e tutti in egual misura entusiasti dell'iniziativa (Polcenigo, Budoia, Aviano e Fontanafredda), e dei rappresentanti dei vertici dell'Interporto che diventa la nuova Casa dell'evento sportivo, patron Mauro Tavella ha raccontato questa gara che si svolgerà in pieno periodo Covid, in una Regione che da lunedì diventerà rossa, il Friuli Venezia Giulia. Tutte le misure di sicurezza atte a garantire lo svolgimento di una gara nazionale e internazionale, come previsto da tutte le ordinanze in essere, sono stata adottate e per questo motivo il pubblico non potrà partecipare di persona ma dovrà accontentarsi di vedere ogni singolo minuto della due giorni attraverso i Social e in diretta streaming.

Ma parliamo intanto fisicamente della gara e del programma.

Gli equipaggi, di cui non si conosce al momento il numero esatto perchè le iscrizioni sono ancora aperte, si daranno appuntamento all'Interporto Centro Ingrosso dalle 14 di venerdì 19 marzo per affrontare le verifiche sportive, la distribuzione del road book e dei numeri di gara. Come già avviene negli altri campionati, anche a livello internazionale, tutta la parte delle verifiche amministrative è stata alleggerita e ora per passare la parte burocratica basta una sola persona per team che potrà produrre a richiesta tutti i documenti necessari per ogni singolo equipaggio in gara. Una volta terminate le operazioni preliminari intorno alle ore 20 si procederà con la scelta della posizione di partenza. Non essendoci un prologo a determinarla con una classifica, i piloti stessi, in base alla classifica dell'anno scorso avranno modo di scegliere - per primo il vincitore e poi via via gli altri - l'ordine di partenza dei primi dieci e in base a quello sabato 20 marzo le vetture lasceranno l'interporto alle 9, per recarsi in trasferimento fino alla partenza della prima delle tre prove speciali in programma.


La speciale in realtà è solo una, denominata Valvodrome 2020 e misura 30 chilometri e 250 metri e si ripeterà per tre volte: alle 10, alle 12,30 e alle 15. Una volta terminato il terzo e ultimo passaggio i piloti faranno rientro all'Interporto dove si svolgerà, in modalità Covid, la premiazione, senza alcun contatto fra le persone presenti e naturalmente con la mascherina indossata.

I piloti presenti alla conferenza stampa, Lorenzo Codecà, campione italiano in carica, Amerigo Ventura, altro vincitore nelle edizioni passate e Andrea De Luna, veloce pilota rally per la prima volta alla Baja, non hanno nascosto il loro stupore quando Tavella ha proiettato per intero il video, creato con Google Earth, della prova speciale da 30 chilometri. Stupore per una speciale che sembra in tutto e per tutto una speciale da rally per i suoi lunghi rettilinei e per la velocità altissima che richiederà alle vetture. Ventura che puntava all'assoluta ha già capito che dovrà ripiegare su un podio T4 meglio noto nel regolamento del campionato italiano come TM2 visto che i loro mezzi sono limitati a 130 km/h (regolamento 2021 http://www.acisport.it/public/2021/pdf/CROSSCOUNTRY/2021_4864Italian_Baja_Nazionale//Regolamento_di_settore_rds.pdf ).

In compenso questa Artugna Race sembra davvero costruita su misura per i veicoli con motore potente, anzi potentissimo, capaci di scaricare a terra tutti i cavalli possibili su un percorso sterrato che in certi punti potrebbe davvero far toccare e forse passare i 160 km/h. L'importante sarà, poi, saper tirare le staccate e calcolare bene quando togliere il piede dall'acceleratore e giocarsela su un percorso comunque misto e sicuramente anche tecnico viste le tante curvette e curvettine, molte delle quali squadrate a 90 gradi.

La battaglia fra gli SSV sarà particolarmente interessante ai fini del Campionato Italiano SSVv Baja Sprint 2021 che si articolerà in nove prove rispetto alle sette invece del CCR: in più rispetto al tricolore cross country ci saranno la Baja Adriatico, in programma per il 25 aprile, e la due giorni internazionale di settembre dell'Italian Baja dove ogni singolo giorno di gara farà tappa a sé. Tutti i regolamenti sono scaricabili cliccando questa pagina http://www.acisport.it/it/CROSSCOUNTRY/regolamenti/2021


 

Modulo di iscrizione

©2020 di worldrallyraid. Creato con Wix.com