• Redazione

Cancellato definitivamente per il 2022 il Kazakhstan Rally: ora si cerca l'alternativa alla 5. prova

Neanche il tempo di raccontare quanto accaduto durante l'Abu Dhabi Desert Challenge a proposito del rally in Kazakhstan previsto inizialmente per fine aprile e poi spostato a settembre che finalmente la situazione si è smossa. Proprio oggi pomeriggio ASO ha comunicato la decisione di cancellare il rally dal calendario del Mondiale FIA e FIM 2022, quello del neonato World Rally-Raid Championship - W2RC. Una decisione che, in tutta sincerità, non poteva essere diversa, date le forti pressioni che tutti i team avevano esercitato durante la riunione dicendosi assolutamente contrari allo svolgimento del rally raid qualunque fosse il mese prescelto. E così per una volta la saggezza ha trionfato e il rally è stato annullato e rinviato al prossimo anno. In calendario, dunque, al momento figurano ancora due gare - quattro in tutto - entrambe organizzate dalla ODC di David Castera, la prima in Andalusia in giugno e la seconda in Marocco ad ottobre.

A questo punto ASO propone la possibilità di inserire una nuova gara nel calendario mondiale, magari verso la fine dell'anno ed è impossibile non tentare di fare almeno un paio di previsioni. Escludendo a priori che il Silk Way Rally possa rientrare a far parte del calendario, e sinceramente sembra impossibile ad oggi pensare che la gara possa svolgersi visto il territorio in cui si dovrebbe correre, restano aperte un paio di altre opzioni, ahimè ancora nella penisola arabica che è quella che al momento mette meno problemi sul piatto di una bilancia che vede sempre più remote altre alternative in Africa o in Sud America. Una delle proposte potrebbe venire dal Qatar e il suo portavoce ufficiale, Nasser Al Attiyah già ne parlava ad Abu Dhabi con una proposta di una gara di cinque giorni a Doha mentre un'altra potrebbe riportare in auge Hail, in Arabia Saudita, che dopo aver organizzato due baja una dietro l'altra, potrebbe arrivare a proporre un rally di cinque giorni. Con ogni probabilità nessuna delle due opzioni entusiasmerebbe i partecipanti, team e piloti, ma bisognerà in effetti capire quali siano le possibilità per organizzare ancora un altro rally raid in questo 2022 e non lasciare il neonato campionato con sole quattro gare da disputare.

English Translation

The current international situation has forced the organizer of the Rally Kazakhstan, round three of the FIA & FIM World Rally-Raid Championship (W2RC), to cancel its 2022 edition, which was due to take place from 25 to 30 April. As a result, the next W2RC round will take place from 7 to 12 June at the Andalucía Rally in Spain, and will be followed by Morocco’s Rallye du Maroc from 7 to 12 October 2022. In view of this situation, all stakeholders of the discipline – the FIA, FIM, the teams and W2RC promoter A.S.O. – are now jointly considering a number of possible replacements to host a fifth and final round, to be held at the end of the season. The Rally Kazakhstan will be fully restored to the 2023 calendar*. (subject to approval by the World Motor Sport Council and FIM Board of Directors).

Spanish translation

La actual situación internacional ha forzado al organizador del Rally Kazakhstan, tercera manga del campeonato mundial de rally raid FIA & FIM (W2RC) a cancelar la edición que tenía previsto celebrarse en 2022, del 25 al 30 de abril. Consecuencia directa de esta anulación es que la próxima manga del W2RC sea la que se celebre del 7 al 12 de junio en el Andalucía Rally (España), seguido por el Rallye du Maroc, en Marruecos, del 7 al 12 de octubre 2022. Habida cuenta de esta situación, todos los actores implicados en la disciplina – FIA, FIM, equipos, y el promotor del campeonato (A.S.O.) – ya están trabajando en la búsqueda de un nuevo anfitrión que pueda acoger la quinta y última ronda del campeonato, que se celebraría al final de la temporada. El Rally Kazakhstan volverá a integrarse con normalidad en el calendario del 2023*. (* sujeto a la aprobación del Consejo Mundial de Automovilismo (World Motor Sport Council) y del Comité de Dirección de la FIM)