• Elisabetta Caracciolo

Fra FIA e gara nazionale 54 equipaggi al via in Ungheria e ben cinque equipaggi italiani su 4 ruote

Ventuno il totale degli iscritti alla prova valida come quinto appuntamento FIA, per la Coppa del Mondo Bajas: 10 T1, solo tre T3 e 8 T4 e fra loro i primi contendenti del titolo 2021, attualmente primo e secondo in classifica, Yasir Seaidan su Mini X Raid e Yazeed Al Rajhi su Toyota. Su Mini anche Krzysztof Holowczyc - sfortunatissimo in Spagna - e l'altro polacco in gara con il team tedesco, Michal Maluszynski mentre un OT3 si presenterà al via con Santi Navarro insieme a Marc Sola. Bello lo schieramento South Racing per i T4, tutti Can Am ovviamente, con i fratelli Rè che dopo il successo in Spagna decidono di puntare alla Coppa del Mondo - e perchè no - e sfidano anche l'Ungheria: con loro in squadra anche il kuwaitiano, Mshari Althefiri e il saudita, Alsaif che a Teruel è volato in acqua nella prima tappa, oltre all'ucraino, Ievgen Kovalevich. Con il numero 405 il rosso Yamaha YXZ 1000 R di Amerigio Ventura di nuovo in coppia con Angelo Montico.

Insieme al gruppo FIA altri 33 veicoli, iscritti alla gara nazionale, ed è qui che troviamo una cospicua compagine italiana. Innanzitutto Andrea Tomasini, numero 602 che insieme ad Angelo Mirolo correrà con la Isuzu DMax con i colori del Jazz Tech Team così come Mauro Vagaggini insieme a Manuela Perissinotti su Yamaha, Gianmarco Fossà e Stefano Cavaciuti su Polaris RZR 1000 e i gemelli De Lorenzo che tornano alle gare anche loro a bordo di un Polaris RZR 1000 prova generale prima della Dakar 2022.

La gara auto sarà identica, a differenza di quanto accaduto alla Baja Aragon, a quella moto e quindi un prologo di 7,38 chilometri venerdì sera, e due prove speciali il sabato, da 138 chilometri e mezzo, oltre ad altre due la domenica da 78,68 chilometri. 533,24 il totale dei chilometri con 441,6 di prove speciali.

Infine una curiosità: con il numero 211 al via ci sarà Dania Akeel, incontrata alla Dakar in veste di semplice accompagnatrice ma vista in gara in due Baja nei Paesi Arabi ad inizio anno. La giovane pilota saudita è alla ricerca di un volante per la Dakar e si sta guardando intorno: ad accompagnarla in questa esperienza in Ungheria, Charles Cuypers su unT3 denominato Mamba di cui non si sa molto al momento. L'addetto ai concorrenti della Dakar, nonchè braccio destro di David Castera dunque, si cimenterà come copilota in questa baja dopo un passato come pilota moto in numerosi rally raid iridati. Inutile dire che intorno a questo equipaggio c'è già moltissima curiosità...