• Redazione

Hero Motorsport Team Rally piazza 3 suoi piloti nei primi 5 al Super Test in Spagna. Cerutti 6°

Con una tappa piccolina di circa 60 chilometri e una speciale da 8 si è aperta oggi a livello agonistico la seconda edizione dell'Andalucia Rally, in Spagna con 71 moto in totale al via insieme a 12 quad. Il più veloce della giornata per quello che riguarda le due ruote è stato il pilota Hero, Joaquim Rodrigues che partiva dalla ventesima posizione con il numero 27. E' stato lui a fermare i cronometri sui 6'13 precedendo Joan Barreda - Honda - di un solo secondo. Alle spalle dello spagnolo altre due Hero, quella di Sebastian Buhler a 2" e quella del debuttante, in sella a questa moto e con questo team, Franco Caimi, in ritardo rispetto al primo di 5 secondi. Lorenzo Santolino - Sherco- ha ottenuto il quinto tempo con 12" di distacco dal vincitore, lo stesso identico distacco di Jacopo Cerutti che si guadagna il sesto posto assoluto. Nei primi dieci anche Joan Pedrero, ottavo e Pablo Quintanilla all'esordio con il Monster Energy Honda Team, nono.

Villamartin, in Andalusia appunto, ha assistito alla partenza della prima moto alle 13 - per entrare in prova speciale alle 13,45, e poi via via si sono susseguite sul percorso di gara, contrassegnato tutto da road book, le altre categorie in gara.

Mentre aspettiamo gli altri risultati vengono confermate le prime posizioni per la prima vera lunga tappa di domani per la quale la prima moto prenderà il via alle 7,45: 211 i chilometri totali da affrontare con un settore selettivo tagliato in due e separato da una neutralizzazione. La SS1 misurerà 67 chilometri con 29 poi di neutralizzazione e una SS2 di 73 km. Per rientrare al paddock ci saranno poi solo 13 chilometri di trasferimento; partenza e arrivo sempre dalla Fazenda che accoglie l'intera carovana della gara.

Joan Barreda al termine del super test ha confessato che seppure la speciale fosse corta "era estremamente tecnica con alcuni pericoli creatisi per la pioggia caduta nei giorni precedenti alla gara. Volevo trovare un buon ritmo e ci sono riuscito, e soprattutto non volevo commettere alcun errore", cosa effettivamente successa a qualche pilota nelle posizioni più arretrate. Nella categoria Enduro Cup successo dell'olandese Van Wikselaar che ha preceduto il nostro italiano, Tiziano Internò. Decima posizione per Francesca Gasperi.