• Redazione

Silk Way Rally: le prime due tappe utili per studiare gli avversari...

Le prime due tappe, e quindi due prove speciali, del Silk Way Rally si sono già corse e anche concluse. In Russia i piloti stanno viaggiando con quattro ore di differenza, in più, rispetto all'ora italiana e quindi le speciali sono praticamente già finite quando noi ci alziamo alla mattina. Due settori selettivi brevi per questi primi due giorni, da 87 chilometri il primo e da 132 il secondo, che hanno rappresentato più un allenamento che una sfida vera e propria per il rally che dopo domenica inizierà a fare sul serio nella splendida e grandissima Mongolia.

Al momento le due tappe, lunghe da 670 chilometri la prima e 581 la seconda, hanno portato oggi la carovana del rally a Altaisk, dopo la partenza da Omsk.

Nella categoria moto la prima vittoria di questa undicesima edizione è andata a Franco Caimi (Hero Motorsport) che ha battuto di 1'03" il pilota Yamaha Ross Branch che a sua volta ha battuto il suo compagno di squadra, Adrien Van Beveren di soli 27". Dietro di loro la KTM di Matthias Walkner seguita da Sebastian Buhler, Andrew Short, Skyler Howes, Luciano Benavides e Daniel Sanders. Dopo questo gruppettone di ufficiali, in decima posizione assoluta troviamo il bravissimo Carlo Augusto Cabini, su Honda, mentre Andrea Winkler e suo papà Aldo (KTM entrambi) sono rispettivamente 18° e 19° con Massimo Camurri (KTM) in 21. posizione.

La speciale di oggi, da 132,74 chilometri ovviamente ha assistito al successo di coloro che ieri avevano terminato più indietro, e a vincerla è stato l'australiano, Daniel Sanders su Gas Gas per soli sei piccolissimi secondi su Ross Branch ancora una volta secondo. Terza posizione per il pilota Husqvarna , Skyler Howes con la KTM di Walkner quarta davanti a Joaquim Rodrigues (Hero) che ha recuperato dalla undicesima piazza di ieri. Carlo Cabini ha ottenuto un 13° piazzamento davanti ad Andrea Winkler 16° davanti a Camurri, 17° e Aldo 18°.

Fra le auto sono i russi che dominano nella gara, attualmente, di casa: ieri la vittoria è andata a Denis Krotov su Mini mentre oggi il più veloce è stato Vladimir Vasilyev su Mini. A sei anni di distanza dalla sua ultima partecipazione a un rally raid stupisce la prestazione di Guerlain Chicherit in gara con la Century CR6 di Serradori: il francese ieri aveva chiuso in terza posizione e oggi ha recuperato finendo la speciale secondo per soli 49". Yazeed Al Rajhi, unica vettura Overdrive in gara si scambia le posizioni con Chicherit e quindi ieri era secondo e oggi terzo. La battaglia fra i T4 è a dir poco incandescente: ieri Sergei Kariakin aveva vinto in un tempo di 57'11" - contro i 48'11" per esempio di Krotov - staccando i suoi avversari principali di 5'27", Amos-Ceci sempre su Can Am con Austin Jones terzo della T4 a 2'16" da Amos. Oggi la situazione si è rovesciata, o meglio, la vittoria è andata nuovamente al russo su Can Am che ha girato in 1h.34'16" finendo sesto assoluto, a meno di dieci minuti dal primo, e con un vantaggio su Jones di 1'34" e su Amos - terzo T4 al traguardo di 2'17". Si sta avvicinando pericolosamente intanto il papà di Austin, Jesse Jones che ha ottenuto la quarta piazza oggi nella T4 e domani partirà alle spalle di Amos per dare inizio a quella che è chiaramente una strategia di gara volta ad aiutare Austin verso la rincorsa al titolo.

Nella T3 oggi successo di Jean Luc Pisson, in coppia con Jean Brucy, a bordo dello Zephyr PH Sport: i due si sono piazzati decimi assoluti precedendo il Can Am T3 di Pavel Lebdev e quello di Fernando Alvarez. Per quanto riguarda gli italiani su Polaris negli SSV 15. posizione nella speciale di oggi per Michele Cinotto e Maurizio Dominella e 18. per Enrico Gaspari e Massimo Salvatore. Fra i camion vittoria Kamaz ieri e il primo a conquistare una speciale in questa edizione è stato proprio Dmitry SOTNIKOV con il nuovo camion staccando un incredibile 50'51", soli due minuti in più della Mini del vincitore Krotov, bissando il successo anche oggi e sempre con un tempo pazzesco più alto di poco meno di sei minuti della prima vettura.